bicicletta ciclismo





Ciclismo: Giro del Trentino, primo duello Wiggins-Nibali. A Vetriolo vince Siutsou

Il grande ciclismo abita al Giro del Trentino: come previsto, la prima tappa con arrivo in salita ha regalato uno spettacolo superbo – tra corsa e paesaggi della Valsugana – preannunciando altre due puntate memorabili da qui a venerdì. Né si può dire che la montagna abbia partorito un topolino: Kanstantin Siutsou è un signor corridore e la sua vittoria solitaria a Vetriolo Terme è assolutamente meritata, su questo non si discute.

Encomiabile intanto il francese Maxime Bouet, vincitore della prima semitappa a Lienz, che si è difeso egregiamente (ventesimo a a 2’23”) e contro ogni previsione si è ripreso la maglia di leader con un margine residuo di 3’19” sullo stesso Siutsou.


A 8 km dall’arrivo il bielorusso ha attaccato in compagnia di Pierre Rolland e Stefano Pirazzi, liberandosi poi della loro compagnia in bello stile. Sembrava che l’azione del biondo atleta del Team Sky dovesse solo fare da staffetta alle grandi firme, ma cosi non è stato: benché Vincenzo Nibali abbia scatenato la bagarre ai -3, Siutsou ha tirato dritto con passo sicuro precedendo di 4” un bravissimo Mauro Santambrogio (un bel nome nuovo per il Giro d’Italia) e di 19” proprio Nibali, sulla cui ruota, implacabile, c’era Bradley Wiggins. Quinto, una manciata di secondi più indietro il vincitore dello scorso anno, Domenico Pozzovivo, che dunque si conferma in lizza per il successo finale anche stavolta, ma la concorrenza sembri ancora più serrata.

Tirando le somme, la tappa di Vetriolo Terme ha detto chiaramente che il Team Sky è al momento il padrone di questo Giro del Trentino, e che Sir Bradley Wiggins ha una buonissima gamba. Nibali è apparso combattivo ed anche lui sostenuto da un’ottima squadra (spicca nell’ordine di arrivo la settima piazza del giovane Aru). Cadel Evans non ha brillato ma si è difeso bene (10° a 45”). Incoraggiante la prova di Ivan Basso (che ha incassato poco più di un minuto da Wiggins e Nibali), mentre si può parlare di una prestazione deludente per Michele Scarponi e Franco Pellizotti, naufragati ad oltre 4’ dal vincitore.

Che questi siano verdetti definitivi, è tutto da verificare: di certo, l’ulteriore esame di venerdì a Sega di Ala darà una drastica sforbiciata alle speranze rosa di molti. La sensazione è che il refrain delle prime due giornate del Giro del Trentino possa diventare il tema dominante del Giro d’Italia (Sky vs. Astana, Wiggins vs. Nibali) con tutti gli altri nei panni di outsider: ma chiaramente la controprova di Sega di Ala è determinante per dirlo con qualche certezza. Nel frattempo, domani giovedì, il Giro del Trentino riparte da Pergine Valsugana e si conclude a Condino, 176,1 km, apparentemente più leggera ma pur sempre con due GPM, uno dei quali a 16 km dalla conclusione. Diretta su Raisport2 ed Eurosport dalle 14,30 alle 16,00.

17 / 04 / 2013


Pagina aggiornata il

 

*


MONDIALE CICLISMO FIRENZE




  • GIRO D'ITALIA 2013



RISULTATI TAPPE

CALENDARIO GRANFONDO





    Marcialonga Cycling, il 29 giugno. Tornano i 4 Passi dolomitici. Iscrizioni agevolate

    Trentino Mtb, sette gare. Calendario. Info iscrizioni e agevolazioni




      Mtb: Craft Bike Transalp, gran finale a Trento. Programma e info utili

          Bibione Bike Trophy. Gara Endourance in Mtb. Info utili

          Monte Grappa Cycling, il 7 settembre. Percorsi e info iscrizioni



          privacy
          www.mondociclismo.com di Riccardo Capannelli - email RICCARDOCAPANNELLI@libero.it -